Una passione che rigenera

Cari amici,

in questa giornata in cui la Chiesa celebra la solennità dell'Immacolata Concezione, l’Azione Cattolica è in festa in modo speciale: ringraziamo il Signore per essere entrato nelle nostre vite attraverso una esperienza speciale ed unica di uomini, donne, ragazzi e giovani alleati in una sola splendida avventura di santità - festeggiamo l'adesione all'Azione Cattolica.

 

Aderire significa molte cose, non ultima e davvero non meno nobile contribuire al fatto che questa esperienza rimanga economicamente sostenibile nel tempo, ma oggi vorrei concentrarmi con voi su un aspetto particolarmente importante, direi per certi versi addirittura urgente, e cioè come l'adesione sia una espressione del nostro essere appassionati.

 

Azione Cattolica è passione Cattolica, e quello che stiamo vivendo assieme non è un  passatempo, un modo buono quanto un altro  di impiegare del tempo libero.

 

Il piccolo principe se ne andò a rivedere le rose: "Voi non siete per niente simili alla mia rosa, voi non siete ancora niente", disse. [...] “Certamente, un qualsiasi passante crederebbe che la mia rosa vi rassomigli, ma lei, lei sola, è più importante di tutte voi, perché è lei che ho innaffiata. Perché è lei che ho messa sotto la campana di vetro. Perché' e' lei che ho riparata col paravento. Perché su di lei ho uccisi i bruchi (salvo i due o tre per le farfalle). Perché è  lei che ho ascoltato lamentarsi o vantarsi, o anche qualche volta tacere. Perché è la mia rosa".

 

Che l’Azione Cattolica sia la nostra rosa. I cammini formativi a cui partecipate, il tempo di servizio educativo che molti di voi donano non sono una cosa  qualunque: essere assieme laici  a servizio fa la differenza. Essere appassionati aderenti all'azione Cattolica  significa che ci sta a cuore che questa esperienza viva fiorisca e cresca nelle parrocchie della nostra diocesi non è la stessa cosa c'è un gruppo giovanissimi ci sia si spenga, non è la stessa cosa che la presidenza parrocchiale sia viva o solo sulla carta, non è la stessa cosa che sia offerta ai ragazzi la possibilità di fare un'esperienza nell’ACR o che questa venga dissolta.

 

La vostra passione fa la differenza perché è tessuta assieme alla passione di tanti, e solo così l’Azione Cattolica diventa un'esperienza unica e non sostituibile. E se per qualsiasi motivo così non dovesse essere - perchè passione è anche sofferenza - impegnatevi per un cambiamento: formatevi, non fermatevi a mezza costa ma andate fino in cima, discutere animatamente, fate tardi alla sera, lottate, arrabbiatevi, siate fantasiosi da veri innamorati.

 

La vostra adesione sia passione per una Chiesa autentica, per un mondo trasformato, passione per la persona nelle sua fragilità e grandezza.

 

Questo non è un tempo per tiepidi. La società civile in cui viviamo, le comunità cristiane in cui abitiamo hanno bisogno urgente di questa passione che rigenera, di uomini e donne capaci di essere corresponsabili e adulti nella fede. Hanno bisogno - anche se non lo sanno e non lo dicono - della vostra azione. Azione Cattolica.

 

Buona festa dell’adesione.