Negli anni successivi al primo gli educatori e gli accompagnatori degli adulti vivono momenti di ulteriore approfondimento attraverso singoli incontri, laboratori, percorsi, weekend, collaborazione alle équipe di lavoro vicariali e diocesane.
La commissione formazione diocesana predisporrà quattro insiemi di schede, raggruppate attorno alle quattro dimensioni sopra delineate (vocazionale, umana-relazionale, ecclesiale, associativa) - queste costituiscono la traccia preferenziale per le iniziative formative di approfondimento a tutti i livelli.
  • Dimensione vocazionale dell’educatore: i talenti e i limiti; l’originalità; la chiamata e la risposta; il discernimento personale; il discernimento comunitario; la missionarietà; la quotidianità e gli ambiti di vita; le motivazioni; la gratuità.
  • Dimensione umana-relazionale dell’educatore: la centralità della persona; l’intenzionalità educativa; l’esemplarità; l’ascolto e la comunicazione; le emozioni; la regola di vita; elementi base di psicologia; elementi base di pedagogia; gestione del gruppo; progettazione e programmazione delle attività; le età della vita; i ragazzi difficili; la distanza educativa; le fragilità umane.
  • Dimensione ecclesiale dell’educatore: il mandato; l’essere laici; la sinodalità; la parrocchia; la diocesi; la chiesa come popolo; la chiesa come mistero; il rapporto con i sacerdoti; il rapporto con la Parola; la partecipazione all’eucaristia; la partecipazione alla carità; lo spirito e i testi del Concilio Vaticano II; magistero del Papa, encicliche ed esortazioni post-sinodali.
  • Dimensione associativa dell’educatore: il metodo di AC; la democrazia interna; la storia dell’associazione; il significato dell’adesione; l’inter-generazionalità; la popolarità; l’esperienzialità; il saper fare unità; l'impegno negli ambiti di vita; l’impegno sociale; l’impegno politico .